top of page

Psicoterapia: domande e risposte


Psicologa Psicoterapeuta roma nord balduina

QUAL È LA DIFFERENZA TRA UNO PSICOLOGO, UNO PSICHIATRA E UNO PSICOTERAPEUTA?


La principale differenza sta nella formazione di base e nelle competenze specifiche e spesso collaborano per fornire un trattamento completo ai pazienti.

Lo psicologo è laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche e, dopo aver conseguito il tirocinio e l’esame di Stato, è iscritto all’Albo Professionale. Può fare prevenzione, diagnosi, attività di abilitazione-riabilitazione e sostegno in ambito psicologico.

Lo psichiatra è laureato in medicina e chirurgia e specializzato in psichiatria. Per questo motivo è l’unico a poter prescrivere farmaci. Entrambi possono diventare psicoterapeuti attraverso una Scuola di Psicoterapia - di differenti approcci, almeno quadriennale. A questo punto possono trattare anche i disturbi psicopatologici.



QUANTI DIFFERENTI APPROCCI CI SONO NELLA PSICOTERAPIA?

Ogni futuro psicoterapeuta sceglie la scuola sulla base del campo che lo appassiona maggiormente, della visione affine riguardo la psicopatologia e l’esperienza umana, degli obiettivi che vuole raggiungere.

Alcuni dei principali approcci includono

- Psicoterapia cognitivo-comportamentale (CBT): si concentra su come i pensieri influenzano i comportamenti e viceversa, aiutando i pazienti a cambiare schemi di pensiero negativi e comportamenti dannosi.

- Psicoanalisi: basata sul lavoro di Sigmund Freud, mira a esplorare i processi inconsci e le esperienze passate per comprendere e risolvere problemi attuali.

- Psicoterapia psicodinamica: simile alla psicoanalisi, ma meno intensiva, si concentra sulle dinamiche interpersonali e sulle emozioni recondite.

- Psicoterapia familiare: coinvolge i membri della famiglia per affrontare problemi relazionali e dinamiche familiari disfunzionali.

- Psicoterapia di gruppo: i pazienti partecipano a sessioni di terapia condividendo le proprie esperienze e offrendo sostegno reciproco.

- Psicoterapia centrata sulla persona: si basa sull'empatia e sul supporto incondizionato da parte del terapeuta, consentendo ai pazienti di esplorare i propri sentimenti e desideri.

- Psicoterapia comportamentale: si concentra sui comportamenti problematici, utilizzando tecniche di modifica comportamentale per aiutare i pazienti a sviluppare comportamenti più sani.

- Psicoterapia interpersonale: si concentra sulle relazioni interpersonali e sulle difficoltà comunicative per migliorare la capacità di interagire con gli altri.

- Psicoterapia della terza ondata: include approcci come la terapia dialettico-comportamentale (DBT) e la terapia dell'accettazione e dell'impegno (ACT), che integrano elementi di mindfulness e accettazione.


Ogni formazione può essere integrata e aggiornata. Per questo motivo è importante non scegliere solamente in base al tipo di approccio, ma la persona.



COME SI SCEGLIE UNO PSICOTERAPEUTA?

- Identifica le tue esigenze: è una difficoltà del singolo, della coppia, della famiglia? Qual è l’area dove voglio intervenire? Ci sono esigenze di tempi, spazi, comodità? - Assicurarsi che siano iscritti all’Albo Professionale e abbiamo le credenziali per poter lavorare nel campo della salute mentale. - Valuta la relazione terapeutica: come tutte le relazioni è una scelta reciproca; è importante sentire affinità, empatia e assenza di giudizio. - Segui il tuo istinto: fidati delle tue sensazioni. Se non ti senti a tuo agio e hai dubbi sulla tua scelta, puoi continuare la ricerca fino a trovare il professionista giusto per te.



QUANDO INIZIARE UNA PSICOTERAPIA?

Non esiste un momento giusto in assoluto, il momento giusto è il TUO. La stanza di terapia è un luogo libero, dove puoi sempre tornare, a più riprese, quando ne senti l'esigenza.


PERCHÉ COSTA COSÌ TANTO?


Il costo non si limita all’incontro di 45-60 minuti (minuti variabili in base al terapeuta). Fuori dal setting il terapeuta continua la formazione personale, lavora sul paziente con lo studio di eventuali appunti, si confronta con colleghi e porta i casi in supervisione.

Investire nella propria salute mentale e sul proprio benessere è un passo prezioso e un impegno che ripagherà col tempo.

59 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page